Dai 42.000mt ai 3000siepi
La vita non ha senso a priori. Prima che voi la viviate, la vita di per sé non è nulla; sta a voi darle un senso, e il valore non è altro che il senso che sceglierete Sartre, Jean-Paul L'esistenzialismo è un umanismo, Mursia, s.d., p. 104.



giovedì 5 settembre 2013

Margherita Hack - L'amica delle stelle ..

"di fronte alla morte rimango fredda...per me la morte era e rimane un evento naturale di fronte al quale non riesco a emozinarmi."

"ormai ero diventata antifascista non per amore di un regime democratico che non avevo mai conosciuto ma per un senso di giustizia, di rispetto della persona"

"è il mistero dello scorrere soggettivo del tempo legato alla nostra condizione di bambini e adulti oppure più semplicemente anche la percezione del tempo obbedisce alla stessa legge cui obbediscono i sensi, sensibilissimi alle variazioni relative ma pessimi strumenti di misura di valori assoluti; così ad esempio sappiamo giudicare con gran precisione una lieve variazione di temperatura ma stimiamo con molta maggiore incertezza il suo valore" 

"le stelle più massicce generano tutti gli elementi che conosciamo. 
Al termine della loro vita queste stelle di grande massa si trasformano in 'SUPERNOVE' vere e proprie bombe nucleari che esplodono liberando un'enorme quantità di energia. Il materiale prodotto viene scagliato nello spazio e arricchisce il mezzo interstellare da cui si formeranno altre stelle di generazioni successive. Tutti gli elementi che conosciamo e di cui siamo fatti anche noi sono stati generati nelle esplosioni delle SUPERNOVE. In questo senso siamo veramente parte dell'universo e discendenti dalle SUPERNOVE."

"..fu solo con la repressione in Ungheria nel 1959 e poi durante un congresso astronomico a Mosca e Leningrado nel 1958 che a malincuore cominciammo ad ammettere le tragiche deviazioni del comunismo reale da quell'ideale che ci faceva tremare d'emozione al canto dell'internazionale e di bandiera rossa".

"Avevamo vissuto quasi un quarto di secolo sotto un regime totalitario; da meno di 10 anni avevamo imparato a conoscere la democrazia sia pur fortemente influenzata da Chiesa e Stati Uniti. Anche se la costituzione affermava che tutti i cittadini, uomini e donne, avevano gli stessi diritti in realtà questi principi erano ben lungi dall'essere messi in in pratica."

" Arrivammo in olanda e quello che ci colpì fu la grande gentilezza e affabilità degli Olandesi, la libertà dei bambini che scorrazzavano dovunque in bicicletta o si esibivano in capriole acrobatiche senza che li avvertissero continuamente di stare attenti, di non sudare, di non farsi male, come succedeva da Noi.La piccola Olanda è molto più densamente popolata dell'Italia eppure le sue città sono ricche di verde con grandi parchi dove bambini e cani possono correre liberi. Ci sono numerosi sentieri riservati alle bici che ancora oggi restano uno dei principali mezzi di trasporto. Treni veloci, leggeri e sempre in orario con frequenza ogni 30' collegano Utrecht con Amsterdam, Aia e altre città minori.

"Anche il soggiorno Olandese si avviava al termine e pensavo come a un incubo all'idea di tornare a Merate in quell'ambiente così chiuso e meschino, in quel borgo di campagna sia pure a soli 30km da Milano che era ormai la nostra seconda città."

"...comunque l'Italia stava cambiando: si faceva apprendistato di democrazia. Era entrata finalmente in vigore la LEGGE MERLIN che decretava l'abolizione delle case chiuse, quella vergognosa forma di prostituzione legalizzata su cui lo stato aveva sempre lucrato. Erano anche gli anni delle grandi emigrazioni Sud/Nord e del miracolo italiano"

Nessun commento:

Posta un commento